Nasce “Terroni” la pagina voluta e creata da Pino Aprile

Nasce una nuova pagina, ispirata a Terroni e al suo significato profondo.

10540640_1546885875598643_1550986711476065397_n
Esistono decine di pagine che si richiamano a quello e ad altri miei libri. Io ne ho aperta solo una, quella “personale”. Di un paio almeno sono “amministratore”.Ma solo su tre di queste pagine intervengo, ogni tanto, per scambiare qualche opinione o notizia con i miei amici. Insomma: una presenza senza progetto. Ora ho deciso di dare una direzione e una continuità alla mia frequentazione di Facebook.
E lo si comprende già dalla classificazione della pagina: Media, notizie, editoria. Vogliamo monitorare il modo in cui il Sud viene descritto e proporne una diversa lettura. Più o meno quello che faccio nei miei libri. Due anni fa fermai la nascita di un quotidiano nazionale “da Sud”, anche perché stavamo per costruire un figlio della civiltà industriale, invece di agire in conformità con tecniche e principi di quella informatica: mentre la prima ha necessità di comunicare, la seconda fa comunità. Ecco perché, pur con tutte quelle pagine che si richiamano a Terroni e al suo autore, è stato necessario crearne una nuova, definitiva e inclusiva, per una comunità che vuole discutere il modo in cui viene rappresentata e riconoscersi, essere riconosciuta, per come si rappresenta.
Mi aiuterà il collega Eugenio Balsamo. Riferirò anche dei miei viaggi, dei miei incontri, dei luoghi, delle vostre segnalazioni.
Se farò (faremo) bene, questo spazio potrà acquisire un’influenza da spendere sui temi a noi cari. Più saremo, più conteremo.

Grazie a tutti dell’attenzione in questi anni. Un viaggio è fatto di molti inizi, altrimenti è un girare intorno.

PINO APRILE

3765 Total Views 2 Views Today

Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. progetto molto interessante

  2. Giuseppe De Angelis ha detto:

    SONO CON TE …..

  3. Aniello Pennacchio ha detto:

    Riconosco che l’arte dei nostri luoghi fisici e mentali, abbia un abbattimento per le confusioni create dalla globalizzazione e la brace di come ci ha cotto il Nord, ma é pur vero che la forza della Storia e della educazione centenaria all’arte del Nostro popolo, rapprende forze che noi dobbiamo portare a conoscenza con tutto l’ardore e elaborarle con pragmatismo, affinché quella linea guida politica che ci ha condotto fino ad oggi non si disperda con il valore delle nuove generazioni.Il bello non é capacitá di tutti W i Briganti del SUD

  4. Angelo Lacarbonara ha detto:

    abbiamo bisogno di conoscere il nostro passato per affrontare il futuro, così come ci è stato insegnato è servito solo a toglierci l’appartenenza identificativa del nostro territorio inducendo i nostri padri e noi stessi ad essere forza lavoro mal retribuita per il nord.
    Io sono terrone di nascita e di ideali, sicuramente leggerò quello che pubblicate

  5. Antonino Altomare ha detto:

    Una voce per il Sud

  6. nunzia ha detto:

    Condivido e pronta per la collaborazione

  7. anna ha detto:

    Disapprovo in maniera assoluta il titolo terroni. per il libro poteva andare bene perché suscitava curiosità e leggendolo scoprivi l’ingiusto insulto, ma come titolo di un giornale rischi di farlo diventare il nostro nuovo nome, ripensaci pino te ne prego

  8. raffaele ha detto:

    mi assocerei volentieri per laggere da pino aprile, del quale ho immensa stima. Fatemi sapere, grazie!

  9. Lea ha detto:

    quest’estate ho letto un paio dei tuoi libri. “Terroni” mi ha aperto un mondo, ha rivoluzionato il mio modo di leggere il mio mondo, ha ribaltato i miei orizzonti. Grazie e spero di poter sempre più conoscere ancora di più (anche attraverso questo sito) la nostra storia, stravolta e nascosta dalla prepotenza degli inetti! Grazie Pino e buon lavoro!

  10. riccardo ha detto:

    l’Italia sarà veramente unita e ben governata, quando tutti i suoi cittadini saranno trattati allo stesso modo, senza differenze fra Nord e Sud. Questo sarà possibile solo se sarà svelata la storia della sua unificazione. Dovrà cessare la trattativa Stato-mafia nata a quanto pare nel 1861 ed ancora in essere tutt’oggi. Vedi il film “La trattativa ” di Sabina Guzzanti. Per questo è importante tutto ciò che può servire a questo scopo. Grazie Pino Aprile per i Suoi libri ed il Suo impegno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *