L’origine del toponimo Molise

tratto dall’articolo Contado di Molise di Wikipedia, scritto con il contributo di alcuni Briganti

Il Molise, con il nome di “Contado di Molise” (in seguito, più semplicemente, “Provincia di Molise“), fu una unità amministrativa prima del Regno di Sicilia, poi del Regno di Napoli ed, infine, del Regno delle Due Sicilie. Il suo territorio originale comprendeva all’incirca l’attuale provincia di Isernia (Castel di Sangro inclusa, Venafro ed Agnone escluse), parte della provincia di Campobasso e alcuni comuni della provincia di Benevento (come Morcone e Sassinoro). Subì diverse variazioni territoriali, tanto da comprendere anche parte dell’attuale Abruzzo fino a Vasto, per poi restringersi tanto da non avere più sbocchi sul mare.

13179015_10154138445528948_5398865100837981553_n

Stemma del Contado di Molise

Differenti teorie esistono sull’origine del toponimo “Molise“. Di certa genesi medievale, la denominazione potrebbe derivare, secondo Francesco D’Ovidio, dalla forma aggettivata di molao molinum, da cui molenses, ovvero abitanti presso la mola o il mulino. Secondo altri, invece, deriverebbe dal nome di un feudo o di un castello o di una antica città sannita (la Melaecitata da Livio). Secondo la leggenda, infatti, il primo gastaldo di Bojano, Alczeco, avrebbe edificato il suo castello proprio sulle rovine di Melae. Un’altra ipotesi, ancora, fa risalire il nome Molise all’alterazione dei cognomi “Marchisio” e “de Molisio” presenti in un documento del 1195, dove il conte Corrado di Luzelinart, si firmò “Corradus Marchisium de Molisio”. Tale firma avrebbe generato un equivoco: essa, infatti, male interpretata, sarebbe stata intesa come: “Corrado, Marchese del Molise”. Giambattista Masciotta, invece, tenta di individuare una connessione tra il guerriero Alczeco e la famiglia de Molisio definendo una linea di discendenza diretta. Proprio dal cognome de Molisio, secondo la teoria più accreditata, è da farsi risalire l’origine del toponimo. Proveniente dal feudo di Moulins-la-Marche (parte del Ducato di Normandia), questa famiglia ebbe quale capostipite Rodolfo de Molisio. Costui, compagno d’armi di Roberto il Guiscardo, divenne feudatario supportando gli Altavilla nella conquista di alcuni dei territori sanniti che saranno parte del Regno di Sicilia. Studi basati sull’analisi di antichi testi pubblicati nell’Italia Meridionale ed in Europa individuano in “Conti de Molisio” la genesi di “Contado di Molise“, proprio in virtù di quella espansione territoriale della contea di Bojano della quale essi furono artefici intorno al XII secolo.

13177230_10154138446693948_6093758301852655524_n

Mappa del Contado di Molise (Pieter Schenk, 1660-1718)

Bibliografia

  •  Vincenzo Eduardo Gasdía, Storia di Campobasso, vol. 1, Linotipia Ghidini e Fiorini, 1960, pag. 306.
  • Giovanni Brancaccio, Il Molise medievale e moderno: storia di uno spazio regionale, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 2005, pag. 40. ISBN 978-88-495-1163-5

Giuseppe Bartiromo

15056 Total Views 2 Views Today

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *