La strage di Portella della Ginestra

portelladellaginestra_4

Portella delle Ginestre

Ignazio Buttitta

Nta lu chianu dâ Purtedda chiusa a ‘n menzu a ddu’ muntagni
c’è ‘na petra supra l’erba pi ricordu a li compagni.
A l’addritta nni ‘sta petra a lu tempu di li Fasci (1)
un apostulu parrava di lu beni pi cu nasci.
E di tannu finu a ora a Purtedda dâ Ginestra
quannu veni ‘u primu maggiu ‘i cumpagni fannu festa…

E Giulianu lu sapìa ch’era ‘a festa di li poveri,
‘Na jurnata tutta suli doppu tantu tempu a chiòviri
Cu ballava, cu cantava, cu accurdava li canzuni
E li tavuli cunzati di nuciddi e di turrùni!

Ogni asta di bannera, era zappa, vrazza e manu
Era terra siminata, pani càudu, furnu e granu.

La spiranza d’un dumani chi fa ‘u munnu ‘na famigghia
La vidèvunu vicinu e cuntavunu li migghia,
l’uraturi di ddu jornu jera Japicu Schirò,
dissi: « Viva ‘u primu maggiu », e la lingua ci siccô.

Di lu munti ‘i la Pizzuta ch’è l’artura cchiù vicina
Giulianu e la so banna scatinô ‘a carneficina.

A tappitu e a vintagghiu,
mitragghiavunu la genti
Comi fauci chi meti
cu lu focu ‘ntra li denti,
c’è cu cianci spavintatu,
c’è cu scappa e grida ajutu,
c’è cu jetta ‘i vrazza a l’aria
a difìsa comu scutu..

E li matri cu lu ciatu,
cu lu ciatu – senza ciatu:
– Figghiu miu, corpu e vrazza
comu ‘nchiommur’ aggruppatu!

Doppu un quartu di ddu ‘nfernu, vita, morti e passioni,
‘i briganti si nni jeru senza cchiù munizioni,
arristàr a menzu ô saŋŋu e ‘ntà l’erba di lu chianu,
vinti morti, puvireddi, chi vulìanu un munnu umanu..
E ‘nta l’erba li ciancèru matri e patri agginucchiati,
cu li lacrimi li facci ci lavàvunu a vasàti.

Epifania Barbatu, cu lu figghiu mortu ‘nterra dici:
« A li poveri, puru ccà, ci fannu a guerra… »
Mentri Margarita la Glisceri, ch’era ddà cu cincu fìgghi
arristô morta ammazzata, e ‘nto ventri avea ‘u sestu figghiu…

‘A ‘ddu jornu, fu a Purtedda, cu ci va doppu tant’anni,
vidi morti ‘n carni e ossa, testa, facci, corpa e jammi,
vivi ancora, ancora vivi e ‘na vuci ‘n celu e ‘n terra,
e ‘na vuci ‘n celu e ‘n terra: O justizia, quannu arrivi?
O giustizia, quannu arrivi?!!

Nota: (1) si riferisce ai Fasci Siciliani

portellalo8

La mattina del 1º maggio 1947 a Portella delle Ginestre furono falciate 11 persone. Sott’accusa finirono gli agrari, la mafia e la banda Giuliano, che, con la copertura dello Stato e della politica, non avevano esitato a sparare sulla folla inerme.

Quella mattina i contadini di Piana degli Albanesi, San Giuseppe Jato e San Cipirello erano lì, con le loro famiglie, per passare una giornata in allegria, per ricordare la festa del lavoro. All’ improvviso  colpi di armi da fuoco vennero  sparati ad altezza d’uomo.  In poche ore, la tragedia di Portella fece il giro d’Italia. E l’Italia intera rimase sbigottita. In un angolo del cuore interno della Sicilia, a sangue freddo, erano stati assassinati uomini, donne e bambini. Un fatto inaudito, intollerabile. Sott’ accusa finirono gli agrari, la mafia e la banda Giuliano, che, con la copertura politica di “pezzi” dello Stato e della politica, non avevano esitato a sparare sulla folla inerme, pur di bloccare le lotte contadine e l’avanzata della sinistra. A minimizzare l’accaduto, nella seduta del 9  maggio 1947 dell’Assemblea Costituente, pensò il ministro degli interni, Mario Scelba: “Non c’é movente politico. Trattasi di un episodio fortunatamente circoscritto, maturato in una zona fortunatamente ristretta le cui condizioni sono assolutamente singolari”. Scelba mentiva. Sapeva benissimo delle trame siciliane e, in qualche modo, era pure uno degli artefici. Tra l’altro, la violenza contro i contadini e la sinistra politica e sindacale non si fermò a Portella. Infatti, scrive Umberto Santino nella “Storia del movimento antimafia” (Editori Riuniti, Roma 2009): “L’8 maggio 1947 a Partinico venne ucciso il contadino Michelangelo Salvia. Il 22 giugno si ha una serie di attentati con bombe e colpi di arma da fuoco contro le sezioni comuniste di Partinico, Borgetto e Cinisi, alle sedi della Camera del lavoro di Carini e San Giuseppe Jato e alla sezione socialista di Monreale. A Partinico ci sono due morti: Giuseppe Casarrubea e Vincenzo Lo Jacono”. Nel 1949, al processo di Viterbo, furono soltanto il “Re di Montelepre” e la sua banda ad essere condannati quali esecutori dell’orrenda strage di Portella della Ginestra. Troppo poco.
Durante un’udienza Gaspare Pisciotta aveva lanciato una terribile accusa: “Furono Marchesano, il principe Alliata, l’onorevole Mattarella a ordinare la strage di Portella della Ginestra… Prima del massacro incontrarono Giuliano…”. Ma non si riuscì mai a provarlo.

(Tratto da un articolo de La Sicilia del 1 Maggio 2011 )

17332 Total Views 1 Views Today

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *