L’ ‘urdemo ‘e ll’anno

L’ ‘urdemo ‘e ll’anno

Migliare ‘e botte ‘ntronano pe viche,

sciumme spumante corrono pe ccase,

E’ mezannotte, e l’anno ch’è fernuto

co cchiù bello surriso ce saluta.

Chioveno da’ ‘e balcune e da’ ‘e ffeneste

butteglie, fiasche, ‘nzalatiere rotte,

piatte sengate e vase ‘e terracotta

fanno ‘nzerrà de vasce tutte pporte!

Chi se scagna n’abbraccio e chi nu vaso

tutte felice, viecchie e guagliuncielle,

tutte so’ ricche, pure puverielle

‘o munno, pe’ n’istante, s’è cagnato.

Ma comma nu cardillo senza voce,

dinta chist’angulillo senza luce,

ce stà nu core ca nun trova pace

‘nzerrato ‘mpietto, stracquo ‘e tutte ccose.

Comm’a nu cane senza cchiù padrone

comm’a n’albero senza cchiù na fronna

io stongo sulo, mentre se struje, lenta,

‘a fiamma ‘e na cannela c’allummaje.

Cu’ nu bicchiere ‘mmano, ch’è vacante,

voglio fa quacche brinneso sultanto:

Nu brinneso a chi tutto s’ha pigliato

e niente ha dato

nu brinneso ‘a salute e chi ha lassato

‘o core mio pe’ n’ato!

L’ ‘urdemo ‘e ll’anno di Luciano Somma, 1960

Luciano Somma, poeta napoletano nato nel 1940, ha avuto una lunga e prolifica carriera. Ha scritto ininterrottamente, fin dall’età di 13 anni, e ancora scrive ottenendo numerosi premi. Le sue poesie sono inserite in molte antologie scolastiche ed in tante raccolte e tragbyxw_1419177307_10868279_718865654870847_8420297438863334057_ndotte in altrettante lingue, persino in russo. Il poeta, ne L’ ‘urdemo ‘e ll’anno, ci racconta della sera del 31 dicembre. Allo scoccare della mezzanotte, risuonano i botti e per le case scorrono fiumi di spumante, l’anno che finisce ci saluta con il più bel sorriso. Si lancia dai terrazzi la roba vecchia, deprecabile abitudine, fortunatamente in declino. Tutti si abbracciano e baciano felici, i giovani e gli anziani,  tutti sono ricchi anche i poveri, sembra che il mondo sia cambiato ma solo per un istante. Tuttavia, in un angolo, solo come un cardillo che non può cantare, c’è un cuore che non trova pace, un cuore, solo come un cane senza padrone ed un albero senza foglie, solo mentre si consuma la fiamma della candela che illumina la stanza. Con un bicchiere in mano che, però è vuoto, il poeta vuole fare un solo brindisi: un brindisi a chi ha preso tutto senza dare niente in cambio, un brindisi a chi ha lasciato quel cuore per un altro cuore.

Prendendo spunto dalla poesia, dedichiamo il nostro pensiero a tutte le vittime dei disastri ambientali che la nostra terra ha subito e subisce ogni giorno, nella speranza che il loro ricordo e sacrificio possa essere per noi di sprone a far meglio e di più

In foto: Matera in una suggestiva immagine di fine anno

2093 Total Views 1 Views Today

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *